Semplificare la terapia anti-HIV nei Pazienti Detenuti

A Sassari il Workshop SIMSPe di Infettivologia Penitenziaria

Large_semplificazione ss

Sassari, 20 novembre 2014 - Si terrà a Sassari i prossimi 9 e 10 dicembre, presso i nuovi locali didattici dell'Istituto di Malattie Infettive e con la Presidenza della Prof.ssa Maria Stella Mura, il Workshop SIMSPe dedicato alla semplificazione ed ottimizzazione delle terapie per i pazienti affetti da HIV che sono detenuti. Parteciperanno all'evento con Letture Magistrali dedicate, il Presidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) Prof. Massimo Andreoni ed il Prof. Giovanni Di Perri della Clinica di Malattie Infettive dell'Università degli Studi di Torino. Al gruppo di lavoro previsto nella seconda giornata è prevista la partecipazione di Specialisti provenienti da oltre 20 Istituti Penitenziari nazionali. 


Il Razionale dell'Evento si incentra sulla qualità della vita della persona detenuta, che può essere notevolmente peggiore se si è anche portatori dell'infezione da HIV e se si necessita di assumere i farmaci antivirali. Numerosi problemi organizzativi, alimentari, relazionali ed i possibili effetti collaterali difarmaci assunti “per la vita”, rappresentano spesso momenti di sofferenza tale da apparire come un incremento non dovuto della pena. La riduzione delle somministrazioni utilizzando molecole già registrate come schedule semplificate, con il contestuale mantenimento del controllo virale, possono rappresentare una soluzione sicuramente migliorativa la quotidianità di questi pazienti. Nell'ottica di una riduzione degli effetti collaterali a lungo termine e del contenimento dei costi, molto interesse è oggi rivolto verso le strategie di semplificazione e ottimizzazione della terapia antiretrovirale di combinazione. Fra queste, appaiono molto adattabili all'ambito penitenziario sia il “less drug regimen”, costituito dalla dual therapy PI/r + NRTI, sia la monoterapia con PI, che è stata studiata sia come terapia iniziale nei pazienti naive che, più spesso, come terapia di mantenimento o semplificazione in pazienti che hanno già raggiunto la completa soppressione della replicazione virale durante la cART. Obiettivo dell'evento sarà quello di discutere le strategie di semplificazione della terapia anti-retrovirale nella popolazione detenuta ed implementare l'adesione dei pazienti al programma terapeutico, favorendo il prosieguo della terapia con la massima efficacia antivirale anche dopo il reintegro in libertà.


IN ALLEGATO IL PROGRAMMA DEL WORKSHOP


 

SIMSPe-ONLUS

20/11/2014

L'accesso ai commenti è abilitato unicamente per i soci.
Iscriviti per avere accesso completo alle funzionalità del sito, oppure effettua il .

Commenti all'articolo