Medici penitenziari, no al tetto di 48 ore settimanali

La Consulta boccia la Puglia

Una norma regionale non può imporre il tetto massimo orario di quarantotto ore settimanali ai medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari perché illegittimamente invade la materia riservata alla competenza esclusiva dello Stato in materia di ordinamento civile, violando così l'articolo 117, secondo comma, lettera l), della Costituzione.


La Consulta, con la sentenza n. 121/2017, ha bocciato così l'articolo 21, comma 7, della legge della Regione Puglia 25 febbraio 2010 n. 4.
La disciplina dei vari profili del tempo della prestazione lavorativa deve, infatti, essere ricondotta alla materia dell'ordinamento civile, in quanto parte integrante della disciplina del trattamento normativo del lavoratore dipendente pubblico o privato. 

Il Sole 24 Ore

29/05/2017

L'accesso ai commenti è abilitato unicamente per i soci.
Iscriviti per avere accesso completo alle funzionalità del sito, oppure effettua il .

Commenti all'articolo