XXI Congresso Nazionale SIMSPe

Web Conference 1-3 ottobre 2020

Large_schermata 2020-07-24 alle 14.33.35

Roma, 14 settembre 2020 - Cari amici, Pregiati colleghi,


la pandemia che stiamo attraversando ha messo in luce le fragilità e le profonde contraddizioni del nostro luogo quotidiano di lavoro: il carcere, in tutte le sue articolazioni.


Il nostro essere “altri” dal sistema – in ragione dello specifico ruolo e delle funzioni, oltre che del riferimento formale e sostanziale al SSN – hanno condizionato e condizionano un periodo di continue maggiori difficoltà operative, di complessità di rapporti, di incomprensioni reciproche che, in sede locale, spesso rendono la quotidianità oltremodo problematica.


Non abbiamo ricette né soluzioni, ma ci si affida alla professionalità, al buon senso e al rispetto dei ruoli di tutti gli operatori.


Questa 21^ del 2020 è un’Agorà speciale. Pensata, discussa, costruita nel momento più difficile che a memoria di tutti abbiamo, e stiamo, attraversando.


Non vi sono sessioni “istituzionali”. In questo momento, di continui cambiamenti e di assoluta incertezza, potrebbero essere solo passerelle di parole, che non portano elementi costruttivi alla nostra attività professionale in carcere.


Abbiamo puntato l’attenzione sulla riflessione alla quotidianità di ognuno di noi, sui quattro grandi macrosettori in cui si articola il nostro lavoro: le malattie infettive, la psichiatria, l’attività delle professioni sanitarie, le problematiche medico-legali. È facile comprenderne le ragioni, in particolare per le malattie infettive, CoViD incluso, e le attività delle professioni sanitarie.


Su altri due di questi vorremmo fare un commento, cioè sugli aspetti psichiatrici e sulle problematiche medico-legali.


È facile dire e scrivere che tra carcere e malattia mentale vi è diretta correlazione. Ma è davvero così? La chiusura degli OPG ha modificato la gestione dei folli rei ma gli altri? I rei folli – per usare una nomenclatura didascalica ma nota a tutti – che in questo momento sono uno dei maggiori problemi all’interno degli Istituti Penitenziari, hanno percorsi penitenziari, clinici e giuridici adeguati ai problemi che presentano?


E poi, quale attenzione poniamo nella nostra quotidianità agli aspetti medico-legali del nostro lavoro? Proviamo a dare delle risposte sui temi caldi della nostra quotidiana attività professionale, ed anche esperienza di vita.


Vi aspettiamo in web conference a breve: 1 ottobre (pom-sera) – 2 ottobre (pom.) – 3 ottobre (mattina) come da programma.


Verificheremo, insieme, anche se questa nuova organizzazione di Agorà, per noi ancora obbligatoriamente sperimentale, potrà rappresentare un ulteriore possibile futuro del nostro fare cultura in ambito sanitario penitenziario.


Sergio Babudieri e Luciano Lucanìa


Per maggiori informazioni e per iscriversi cliccare QUI


 

SIMSPe

14/09/2020

Commenti all'articolo