Evento

LA STR PER IL TRATTAMENTO DELL’INFEZIONE DA HIV NEI PAZIENTI DETENUTI

Milano - 30 Settembre 2016 / 01 Ottobre 2016

Normal_locandina workshop milano

Dai dati emergenti dagli studi epidemiologici compiuti in Italia in particolare dagli infettivologi della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria (SIMSPe), peraltro in linea con i dati di letteratura internazionale, il carcere emerge come un contenitore di patologie infettive, correlabili in particolare alle condizioni di basso livello economico e culturale della popolazione detenuta e alle marginalità sociali tra cui quelle della popolazione immigrata. Nel corso degli ultimi anni la popolazione detenuta è profondamente mutata con una quota percentuale di detenuti stranieri passata dal 15% del 1990 all’attuale 40%, mentre i tossicodipendenti sono scesi dal 35% al 25%.


La prevalenza di infezione da HIV rilevata da studi puntuali condotti da infettivologi della SIMSPe supera il 5% negli oltre 52.000 detenuti giornalmente presenti nelle carceri italiane. Il recente studio SIMSPe-SIMIT sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali in carcere, su un ampio campione di circa ¼ dell’intera popolazione, dimostra come la TARV sia ormai correttamente offerta alla popolazione detenuta, ma dallo stesso studio emerge come sia ancora frequente l’utilizzo di regimi farmacologici gravati di effetti tossici a lungo termine e come sia scarso l’utilizzo dei nuovi farmaci e di strategie di ottimizzazione della terapia antiretrovirale ormai comune prassi nei nostri ambulatori quali i regimi STR e LDR. Le ragioni che comunemente guidano la scelta del clinico verso un’ottimizzazione del regime terapeutico, sono largamente presenti in ambiente penitenziario e gli stessi clinici indicano come la STR in carcere rappresenti un’importante possibilità per garantire l’aderenza e l’ottimizzazione delle risorse. I medici infettivologi penitenziari si incontrano per fare il punto sull’attuale organizzazione sanitaria all’interno delle carceri, valutare i progressi ottenuti nel trattamento dei detenuti con infezione da HIV, analizzare le criticità tuttora presenti, arrivare infine a un consenso condiviso sulle modalità di approccio e di trattamento del detenuto, con particolare attenzione alle nuove strategie di ottimizzazione e semplificazione per il miglioramento dei risultati terapeutici e della aderenza alla terapia.

Informazioni sull'evento

  • Contributo (socio SIMSPe): // €
  • Posti disponibili: 0
  • Organizzatore: Scuola di Formazione Permanente in Medicina e Sanità Penitenziaria SIMSPe
  • Contatto Organizzatore: scuolapermanente@gmail.com

Documenti Correlati

Lombardia

Presentazione Babudieri_Milano 30-09-2016

Epidemiologia dell’infezione da HIV e della coinfezione HIV/virus epatitici nelle carceri italiane

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Rastrelli_Milano 30-09-2016

La gestione dell'infezione da HIV nelle donne - Una nuova sfida

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Detenute Milano_30-09-2016

Numero di presenze totali e spunti di riflessione

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Ranieri_Milano Bollate 1-10-2016

Strategie di semplificazione a confronto in carcere. STR o LDR? 

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Foschi_Milano Bollate 1-10-2016

LA STR PER IL TRATTAMENTO DELL’INFEZIONE DA HIV NEI PAZIENTI DETENUTI - CASO CLINICO  

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Monarca_Milano Bollate 1-10-2016

La terapia antiretrovirale nelle carceri italiane

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione D'Angelo_Milano Bollate 1-10-2016

Farmaci Antiretrovirali

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Rastrelli_Milano Bollate 1-10-2016

Caso clinico interattivo  

Vai al Documento

Lombardia

Presentazione Pontali_Milano Bollate 1-10-2016

La gestione del paziente detenuto con HIV e coinfezione HIV/HCV

Vai al Documento

Lombardia

Rassegna Fotografica Workshop Milano 30-09/1-10 2016

Rassegna Fotografica Workshop Milano 30-09/1-10 2016

Vai al Documento